Chieco Cristiano

Sono nato a Venezia nel 1967 e la passione per il mare mi é stata trasmessa da mio nonno e dai suoi racconti di quando era in marina. Nel 1998 frequentai il mio primo corso subacqueo che mi permise di osservare dal vivo le bellezze del mare e dei suoi fondali. Proseguendo la mia carriera fino al corso istruttori ho potuto conoscere molte persone ma sopprattutto molti amici che oltre a trasmettermi le loro conoscenze e il loro amore per il mare mi hanno permesso di visitare luoghi bellissimi sia sopra che sotto la superfice. La mia esperienza umana piu´ bella é stata sicuramente la partecipazione ad uno stage per la formazione di accompagnatori subacquei per disabili visivi a conferma che nessun handicap é piu´ forte della propria volontá di superarlo. La passione per i relitti e la loro storia mi ha avvicinato alla subacquea tecnica e ai corsi di specialitá dedicati anche se la maggior parte dei miei profili sono comunque ricreativi relegando quelli tecnici solo per concreta necessitá. La fotografia e i video che da alcuni anni accompagnano le mie immersioni sono stati la logica conseguenza del voler documentare e mostrare ad altri tutto quello che si nasconde sotto le onde. La storia e lo sviluppo dei popoli che vivono e che hanno vissuto lungo il bacino del mare Mediterraneo possono essere compresi solo considerando l´importanza che il mare ha da sempre ricoperto in tutte le epoche. Lo stesso nostro futuro dipenderá molto dalla nostra volontá e capacitá di voler preservare fiumi, laghi, mari e oceani. Didattiche : NASE, PADI, TSA

Mellinato Liviana

Sono nata a Venezia nel 1962, per noi veneziani il mare e la laguna che ci circonda sono parte integrante della nostra vita quotidiana scandendone i tempi, i movimenti e permeando la stessa aria che respiriamo; molti dicono che non riuscirebbero a vivere standone lontano. Quindi é logico e ovvio che da sempre ne sono stata affascinata e incuriosita e anche se i nostri fondali sono prevalentemente sabbiosi, ho sempre cercato di osservare il mondo che si celava sotto la superfice. Mi sono iscritta al corso di primo livello innanzitutto per riuscire ad esorcizzare la paura che avevo di essere sommersa completamente dall´acqua conscia che senza il suo superamento, non avrei mai potuto immergermi. Grazie alla bravura e alla pazienza dimostrata dai miei istruttori, non solo gradualmente ho perso questo timore ma ho voluto anche frequentare altri corsi ai quali, successivamente, affiancai quello per li conseguimento della patente nautica. Non sono una profondista o una amante delle immersioni tecniche; quello che preferisco é invece fotografare e osservare la fauna marina e i suoi paesaggi sommersi che, seppure visitati piu´ volte, sanno sempre sorprendere con qualcosa di nuovo e inaspettato. Credo sinceramente che prorio questa imprevedibilitá che il mare riserva sia uno dei suoi punti di forza per cui una stessa identica immersione offre sempre nuovi spunti, prospettive e stati d´animo diversi ad ognuno di noi. Didattica : NASE